Codice sconto applicato al carrello! Scadrà tra

Ingredienti degli integratori Anti Stanchezza 1 ed Anti Stanchezza 2

In tantissimi ci avete chiesto quali sono gli ingredienti contenuti nei nostri integratori Anti Stanchezza e così abbiamo deciso di raccontarveli qui uno ad uno!

 

Ingredienti Anti Stanchezza 1:

 

eleuterococco 

L'eleuterococco appartiene alla famiglia delle Araliacee (la stessa del Ginseng, del quale però non è un surrogato) e cresce spontaneamente nella Russia orientale ed in alcune regioni del nord della Cina, Corea e Giappone. La sua radice è usata in forma fisica per le proprietà toniche e adattogene, in grado di migliorare la resistenza dell'organismo agli attacchi esterni e "adattarlo" ai cambiamenti climatici e stagionali. La presenza di una miscela di eleuterosidi, steroli, glucosidi, cumarina, acidi fenolici liberi e saponine lo rende un elisir di lunga vita, in grado di stimolare il metabolismo ed equilibrare l'energia.
L'uso della pianta è perciò indicato negli stati di stress e sovraffaticamento, nella astenia, nelle convalescenze, nell'esaurimento psico-fisico, nella stanchezza, nella ipotensione, e quando è richiesta una maggiore capacità di rendimento nella attività sportiva o di concentrazione e di ricerca nello studio e durante la preparazione di esami.
Inoltre la pianta è ricca di polisaccaridi che le conferiscono proprietà immunomodulanti, in quanto, favorisce l'incremento del numero dei linfociti T ed il rinforzo dei globuli bianchi. Il  suo utilizzo è indicato nella prevenzione delle malattie e nelle forme influenzali, perché contrasta l'insorgenza delle malattie e aumenta la resistenza al freddo. Il punto forte di questa pianta è che migliora la prestazione fisica e mentale senza il nervosismo o agitazione e senza turbare il sonno.
Ha anche proprietà afrodisiache, perché è in grado di superare la secrezione degli ormoni, stimolare le ghiandole surrenali e sessuali.

    α-cazosepina

    Le indagini sull'efficienza della cazosepina sono iniziate a partire da una semplice osservazione dello stato di calma che un bambino presenta in seguito all'allattamento al seno. Dopo alcuni anni, sono un biopeptide con proprietà rilassanti: la cazosepina. In pratica, si tratta di un'idrolisi tramite tripsina (con trattamento termico ed essiccamento) e si isola un decapeptide bioattivo, l'episodiozepina, che ha previsto un numero di immobili rilassanti. Il sistema enzimatico nell'adulto non è più in grado di rilasciare questo peptide biottivo. Questo decapeptide non elimina i fattori che provocano lo stress, ma diminuiscono i sintomi correlati ad uno stato di stress ed ansia, come: i disturbi del sonno; disturbo gastrointestinale;la difficoltà di concentrazione; la tensione ei disturbi dell'ore; l'incremento del peso corporeo. 

     

    Maca

    La Maca (Lepidium meyenii) è un tubero originario della regione delle Ande Peruviane. Le sue caratteristiche nutrizionali sono considerate paragonabili ai primi cereali (mais, riso, frumento), poichè contiene il 59% di carboidrati (amido e zuccheri vari), il 10,2% di proteine, l'8,5% di 2,2 % di lipidi. In particolare, sono presenti amminoacidi (acido aspartico, acido glutammico, serina, istidina glicina treonina, cisteina, alanina, arginina, tirosina, fenilalanina, valina, lisina e triptofano), apprezzabili i depositi di acidi grassi (tra i quali l'acido linolenico) )), l'acido palmitico e l'acido oleico) ed alcuni importanti minerali quali il ferro, il calcio, il fosforo, il magnesio e lo zinco. In aggiunta, la Maca contiene vitamine del gruppo B (B1, B2, B12), la vitamina C, la vitamina e, nonché alcuni isotiocianati e glicosidi steroidali. Nella Maca, inoltre, sono contenute altre sostanze, di tipo alcaloide, che sono in grado di agire a livello dell'asse ipotalamoipofisi. Questo giustificherebbe l'azione stimolante sulle ghiandole rese attribuite alla Maca ed il relativo effetto energetico. Le ultime sono state semper attribuite alla Maca proprietà adattogene, vale a dire migliorativa nei confronti dell'adattabilità del nostro corpo nei confronti delle differenze di stress. L'effetto della Maca potrebbe essere dovuto ad un generale incremento di nervosismo (nel Maca non sono presenti, ad esempio, determinati quali la caffeina).La radice della Maca vanta proprietà benefiche sul sistema nervoso: incrementa le capacità di concentrazione, favorisce la lucidità mentale, stimola l'attività cerebrale e la memoria. Queste sono le proprietà ed energie sul sistema nervoso centrale non sono legate ad un contenuto di caffeina, ma ad un migliorato rendimento energetico, la Maca può essere assunta a tutte le età; il lavoro è difficile, per quanto riguarda l'esperienza impegnativa (per es. studenti, manager, ecc.), in convalescenza o per superare momenti di particolare stress psicofisico.

    magnesio

    Il magnesio è ampiamente diffuso negli alimenti, in particolare nei vegetali, nella frutta secca e nel pesce. Un'alimentazione bilanciata apporta normalmente una quota sufficiente di racconto elemento. Problemi di stress prolungati tipici della frenesia vita moderna, eccessiva sudorazione (come una intensa attività fisica), gravi ustioni o incidenti, diarree e vomiti prolungati Malattie debilitanti.

    Il Magnesio: 

    • è implicato nella trasmissione degli impulsi nervosi e stimola la funzione nervosa;
    • coopera nel trasporto di sodio e potassio attraverso la membrana cellulare e influenza i livelli di calcio all'interno delle cellule. Il magnesio intracellulare attiva l'esochinasi, enzima che converte il glucosio in glucosio6fosfato (primo gradinodella glicolisi, attraverso la quale gli zuccheri sono "bruciati" per produzione energia), in particolare quelle nervose e muscolari ne consumano una grande quantità. Lo stress di magnesio dell'organismo con vari meccanismi, come l'ipersecrezione di adrenalina, dell'ormone antidiuretico (ADH), di ormoni corticosteroidi e tiroidei. Lo stress, inoltre, comporta una minima secrezione di insulina e la perdita della taurina attraverso le urine, fattori di riserva di magnesio. 
    •  stimola le funzioni muscolari e normalizza il ritmo cardiaco: una carenza di magnesio produce tensione muscolare e crampi muscolari, dopo l'esercizio fisico, in particolare alle mani e ai piedi. L'ipomagnesiemia può produrre ipertensione arteriosa e sembrerebbe inoltre favorire l'insorgenza di aterosclerosi, in caso di dieta ricca di colesterolo. Sindrome di ipereccitabilità muscolare (palpitazioni, ansia, colite spastica, crampi, inquietudine, ...). 
    • promuove le normali funzioni metaboliche: il magnesio interviene in oltre 300 diversi processi metabolici (in particolare sul metabolismo delle proteine ​​e degli acidi nucleici). Una carenza di magnesio produce nervosismo, ansietà, tic nervosi e insonnia di tipo II, tema da addizionamento regolare ma da frequenti risvegli notturni, per cui il soggetto si sveglia stanco anche dopo diverso minerale di sonno. Un deficit di un elemento intracellulare può comportare uno stato di ipereccitabilità e risposte anomale agli stimoli che comportano disturbi di tipo neuropsichico e neuromuscolare.

      Rhodiola rosea

      La Rodiola ha visto crescere la propria storia grazie alle sue caratteristiche di modulazione dell'equipaggio e coadiuvante nel controllo del peso corporeo. Le sue stesse soluzioni hanno conferito il nome di "radice d'oro". La sua azione sembra coinvolgere la serotonina, tra i quali ruoli ricordiamo la regolazione del tono dell'ore. L'effetto di Rodiola è in grado di esercitare un effetto stimolante nei confronti della mente, migliorando in questo modo la concentrazione, la lucidità ed il consumo mnemonico. L'effetto di Rodiola è particolarmente indicato per quei soggetti sani che sono una tendenza all'astenia, in concomitanza di periodi intensi dal punto di vista del carico di lavoro intellettuale.

       

      Giuggiolo

       

      Il giuggiolo è una pianta appartenente alla famiglia delle Rhamnaceae, originaria della Cina meridionale e dell'Asia centrale, ma da molto tempo naturale anche nel bacino del Mediterraneo, dove cresce sia coltivata che spontaneamente. A scopo terapeutico, previo specifico trattamento, sono state tutte le parti della pianta. Di questa pianta si impiegano più semi, usati per il trattamento dell'insonnia e sintomatologia ad essa correlata, come ansia, palpitazioni e risvegli notturni frequenti.  Il giuggiolo possiede, inoltre, attività antiossidante ed attua i livelli di alcuni mediatori chimici, come dopamina e serotonina, in modo più efficace nel controllo e nella gestione del comportamento, dei processi cognitivi e delle emozioni.La sua particolarità è un effetto calmante è la capacità di esercitare attività che richiedono attenzione, concentrazione ed agilità mentale.

       

      Vitamina B6

      La vitamina B6 è una vitamina idrosolubile che è naturalmente presente in moltissimi alimenti; dal punto di vista chimico si tratta in realtà di sei molecole diverse (piridossina, piridossale piridossamina ei problemi esteri 5 'fosfati), ma la forma è biologicamente attiva è il solo piridossalfosfato.
      Svolge molte funzioni nell'organismo ed è coinvolta in più di 100 reazioni enzimatiche, legate al metabolismo proteico. È inoltre necessaria per la sintesi dei neurotrasmettitori serotonina e né-adrenalina e per la formazione della mielina, una struttura in grado di fungere da protezione per il sistema nervoso centrale.
      Svolge un ruolo importante nello sviluppo del sistema immunitario. La vitamina B6 è essenziale per l'integrità del sistema nervoso ed è indispensabile per la sintesi della serotonina, che migliora il tono dell'umore.

       

      Vitamina B1

      E 'chiamata la vitamina del morale, poiché favorisce la conduzione degli impulsi nervosi; è utile per l'ossidazione cellulare, per la respirazione, come stimolante dell'appetito e del metabolismo dei carboidrati. E 'un neurotrasmettitore che agisce in sinergia con l'acetilcolina, consente di raggiungere gli zuccheri ed i grassi in energia sotto forma di ATP. Interviene nella formazione dell'acetilcoenzima A, il che ha un ruolo fondamentale nel metabolismo dei carboidrati, dei grassi e delle proteine. Promuove e favorisce il trofismo di numerosi tessuti in particolare il nervoso.

       

      Vitamina B12

      Assicura l'integrità del sistema nervoso e della guaina mielinica che riveste i nervi. Interviene nella sintesi della metionina, nella formazione, moltiplicazione e maturazione dei globuli rossi, nella secrezione degli anticorpi e nella replicazione del DNA. La sua presenza è indispensabile nel metabolismo dei carboidrati e durante la gravidanza. Di aiuto nell'anemia perniciosa, nei disturbi nervosi, nella stimolazione della crescita e nel rafforzamento del sistema immunitario. E'una vitamina energizzante, di aiuto in chi è stressato, stanco e convalescente.

      Vai alla pagina di Anti Stanchezza 1

       

      Ingredienti Anti Stanchezza 2:

       

      iperico

      L'iperico appartiene alla famiglia delle Ipericaceae (Guttifere). E 'una pianta erbacea perenne, comune in tutta Europa, nell'Asia Settentrionale, nel Nord Africa e nell'America settentrionale. In Fitoterapia si Raggiunge la sommità fiorite che hanno odore balsamico e sapore aromatico, amaro e stringente. Questo è un punto di vista critico in cui si può considerare un livello psicologico ed emotivo in quanto aiuta ad avere un aspetto mentale positivo.

       

      Passiflora

      La passiflora incarnata, detta anche frutto della passione, è una pianta rampicante a fusto legnoso, originaria dell'America settentrionale ma coltivata anche in Italia, in America centrale e meridionale e in molti altri paesi a clima temperato caldo. Essa possiede proprietà calmanti ed è utile quindi per combattere lo stress e l'insonnia donando un sonno fisiologico e ristoratore ed un risveglio senza obnubilamento.

       

      Inositolo

      L'inositolo è componente ad azione sinergica e di sostegno negli stati moderati di ansia e fluttuazioni dell'ore.

       

      Griffonia

      La griffonia (Griffonia simplicifolia) è una pianta originaria del contintente africano. E 'stato provato che la Griffonia ha un effetto positivo per il trattamento dell'insonnia, in modo particolare per migliorare la qualità del sonno.

       

      Melissa

      La melissa è una pianta erbacea perenne, presente nelle zone mediterranee e montane di tutta italia nei boschi e nei luoghi freschi ed ombrosi. In forma fisica, foglie da maggio a settembre, e la sommità fiorite ottenute iniziale della fioritura (giugno-luglio). La Melissa aiuta l'umore e l'irritabilità, insonnia, manifestazioni dolorose di origine nervosa (palpitazioni, cefalee, spasmi gastrointestinali).

       

      Magnolia

      Nello sviluppo per la prima volta nello Shenon Bencao Jing intorno al 100 AC. L'origine della pianta risale quindi alla regione asiatica ma è stata impiegata in tutto il mondo come pianta ornamentale. I prodotti ottenuti dalla corteccia di magnolia sono altamente aromatici e si ricavano dalla pianta previa decorticazione di fusto, rami e radici. Il più grande di questo stato è il suo effetto di contrasto agli stati di ansia e per controllarlo lo stress, migliorare la concentrazione mentale ed incrementare le prestazioni durante il giorno

       

      magnesio

      Il magnesio è ampiamente diffuso negli alimenti, in particolare nei vegetali, nella frutta secca e nel pesce. Un'alimentazione bilanciata apporta normalmente una quota sufficiente di racconto elemento. Problemi di stress prolungati tipici della frenesia vita moderna, eccessiva sudorazione (come una intensa attività fisica), gravi ustioni o incidenti, diarree e vomiti prolungati Malattie debilitanti.

      Il Magnesio: 

      • è implicato nella trasmissione degli impulsi nervosi e stimola la funzione nervosa;
      • coopera nel trasporto di sodio e potassio attraverso la membrana cellulare e influenza i livelli di calcio all'interno delle cellule. Il magnesio intracellulare attiva l'esochinasi, enzima che converte il glucosio in glucosio6fosfato (primo gradinodella glicolisi, attraverso la quale gli zuccheri sono "bruciati" per produzione energia), in particolare quelle nervose e muscolari ne consumano una grande quantità. Lo stress di magnesio dell'organismo con vari meccanismi, come l'ipersecrezione di adrenalina, dell'ormone antidiuretico (ADH), di ormoni corticosteroidi e tiroidei. Lo stress, inoltre, comporta una minima secrezione di insulina e la perdita della taurina attraverso le urine, fattori di riserva di magnesio. 
      •  stimola le funzioni muscolari e normalizza il ritmo cardiaco: una carenza di magnesio produce tensione muscolare e crampi muscolari, dopo l'esercizio fisico, in particolare alle mani e ai piedi. L'ipomagnesiemia può produrre ipertensione arteriosa e sembrerebbe inoltre favorire l'insorgenza di aterosclerosi, in caso di dieta ricca di colesterolo. Sindrome di ipereccitabilità muscolare (palpitazioni, ansia, colite spastica, crampi, inquietudine, ...). 
      • promuove le normali funzioni metaboliche: il magnesio interviene in oltre 300 diversi processi metabolici (in particolare sul metabolismo delle proteine ​​e degli acidi nucleici). Una carenza di magnesio produce nervosismo, ansietà, tic nervosi e insonnia di tipo II, tema da addizionamento regolare ma da frequenti risvegli notturni, per cui il soggetto si sveglia stanco anche dopo diverso minerale di sonno. Un deficit di un elemento intracellulare può comportare uno stato di ipereccitabilità e risposte anomale agli stimoli che comportano disturbi di tipo neuropsichico e neuromuscolare.

        Tiamina - Vitamina B1

        La Vitamina B1 favorisce la trasformazione dei carboidrati in energia e aiuta l'organismo a sfruttare l'energia stessa; questa importante vitamina si svolge azione protettiva sul sistema nervoso e sull'apparato cardiaco.

         

        Vitamina B6

        La vitamina B6 è una vitamina idrosolubile che è naturalmente presente in moltissimi alimenti; dal punto di vista chimico si tratta in realtà di sei molecole diverse (piridossina, piridossale piridossamina ei problemi esteri 5 'fosfati), ma la forma è biologicamente attiva è il solo piridossalfosfato.

        Svolge molte funzioni nell'organismo ed è coinvolta in più di 100 reazioni enzimatiche, legate al metabolismo proteico. È inoltre necessaria per la sintesi dei neurotrasmettitori serotonina e né-adrenalina e per la formazione della mielina, una struttura in grado di fungere da protezione per il sistema nervoso centrale.

        Svolge un ruolo importante nello sviluppo del sistema immunitario.

        La vitamina B6 è essenziale per l'integrità del sistema nervoso ed è indispensabile per la sintesi della serotonina, che migliora il tono dell'umore.

        Vai alla pagina di Anti Stanchezza 2

         

        Clicca qui per acquistare i tuoi integratori anti stanchezza